Cerca eventi

 La città con l'arrivo della bella stagione si mette il vestito di gala e si prepara a danzare.

Cagliari si accende sotto i primi raggi di sole.

Anche se un po' in ritardo, la "Città del sole" sboccia rigogliosa sotto il sole primaverile più caldo.

20/05/2016 11:18:00

Certe città si accendono con la neve, altre quando si vedono inebriate dai profumi dei frutti autunnali, altre con l’arrivo di tanti turisti curiosi di visitarle, a Cagliari basta il sole.

Sono passati ormai cinque mesi dall’inizio dell’anno e dal gennaio piovoso, con il tramonto che arrivava poco dopo le 5 e i lampioni accesi da presto.

Delle felpe ci siamo stancati, l’ombrello non serve più e, anche se bisogna prestare ancora attenzione per via dei repentini sbalzi di temperatura, cominciamo ad azzardare una mezza manica o un colletto più ampio.

Quel cielo azzurro ci fa tornare in mente le torride giornate estive, quando un soffio di vento ci pare oro e diventiamo un po’ tutti dei girasoli, pronti a girare seguendo la luce. La temperatura cambia e con lei i colori, i riflessi delle macchine, le foglie degli alti salici che filtrando la luce fanno esplodere il loro verde barocco. Il magnifico contrasto tra luce e ombra crea scenari che danno alla città decisamente un’altra faccia.

Sono gli abiti preferiti di Cagliari, li indossa come se il sole fosse stato inventato per lei, un accessorio che la fa risplendere come un orecchino d’oro fa brillare gli occhi di una giovane sorridente. Percorrendo i suoi viali alberati, dove i raggi del sole si intrufolano piacevolmente, o immersi nel centro storico, dove non possiamo fare a meno di alzare a tratti lo sguardo verso quel cielo azzurro, ci si accorge come la carica vitale di una città possa dipendere strettamente da un bellissimo e lucente brio naturale.

Le nuvole vanno via via scomparendo, come i cattivi pensieri portati via dal maestrale e lasciati evaporare al sole nelle belle serate al Poetto. Cagliari, da buona città del sole non vede l’ora di accendersi sotto i suoi caldi raggi: e voi siete pronti per la prova costume?